GLI ECO BLOGGER

Critica dell’acquisto sostenibile: il giusto fornitore di energia elettrica

di matteo Jarre
del 26 febbraio 2015

Si dice spesso che l’unico potere rimasto alle persone sia legato alle cose che consumano e…

Dipingere il buio, spunti sulla luce in città

di Matteo Volpengo
del 16 febbraio 2015

  "Aveva trovato quel che stava cercando nella tasca interna del mantello. Sembrava…

Non si accede alla zona binari senza biglietto?

di Paolo Hutter
del 05 febbraio 2015

Arrivando col treno alla Stazione Centrale di Milano alle 10 e 45 di giovedì 5 febbraio ho…

Tari: Dio stramaledica la pizza al taglio!

di Gianluca Bertazzoli
del 29 dicembre 2015

Qualche giorno fa mi è cascato l’occhio sulle scartoffie che accompagnano il bollett…

L'auto, imprescindibile diritto umano

di Giuseppe Piras
del 13 novembre 2014

L’episodio che ha visto a Torino i Vigili assediati da cittadini in rivolta perché i…

Leggi tutti i post

Smog > Varie
> Taranto

Camera dei Deputati : Legambiente presenta la petizione sul benzo(a)pirene


 

Presentata presso la Camera martedì 09 novembre 2010 la petizione sul benzo(a)pirene lanciata un mese fa da Legambiente per chiedere al Governo di rivedere con urgenza il decreto legislativo 155/2010, meglio noto come “legge salva Ilva”. I nomi della politica, di tutti gli schieramenti, del sindacato e del mondo scientifico hanno firmato. Tra i primi, Cogliati, Dezza, Realacci, Vendola, Poli Bortone, Schittulli, Stefàno, Camusso e Landini

 

di Giuseppe Miccoli
martedì 09 novembre 2010 18:33

 

Camera dei Deputati : Legambiente presenta la petizione sul benzo(a)pirene
clicca sull'immagine per ingrandire

Il Governo italiano, il 13 agosto 2010 ha approvato il decreto legislativo 155/2010 con cui ha peggiorato la normativa sulla presenza di questo inquinante killer nell’aria per le 27 città italiane con oltre 150 mila abitanti posticipando al 31 dicembre 2012, il termine temporale per ottenere la riduzione di questo inquinante nell’aria ambiente sotto la soglia di 1 nanogrammo per metro cubo.

Ai fini del monitoraggio e controllo dell’aria, è considerato rivelatore proprio il benzo(a)pirene, il più significativo di tutti gli inquinanti proprio perché tra i più pericolosi. Così infatti emerge dalla Banca Dati Tossicologica della Puglia e dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC).


Nel corso dell’audizione in Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati, Legambiente ha illustrato in Parlamento i dettagli della petizione sulla vicenda benzo(a)pirene che è stata già firmata dal suo presidente Vittorio Cogliati Dezza, da Ermete Realacci, deputato e responsabile Green Economy del PD, Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, Adriana Poli Bortone, senatrice del movimento IO SUD, Susanna Camusso, segretario generale della CGIL, Maurizio Landini, segretario generale della FIOM CGIL, Francesco Schittulli, presidente PDL della Provincia di Bari e della Lega Italiana Lotta ai Tumori, e Ippazio Stefàno, sindaco di Taranto.

Tra i firmatari figurano tra gli altri Roberto Della Seta, capogruppo del PD in Commissione ambiente del Senato, Francesco Ferrante, senatore e responsabile delle politiche relative ai cambiamenti climatici del PD, Alessandro Bratti, capogruppo del PD in Commissione ambiente della Camera, Lorenzo Nicastro, assessore alla qualità dell’ambiente della Regione Puglia, Angela Barbanente, assessore alla qualità del territorio della Regione Puglia, Carmelinda Lombardi, assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Barletta, Andria e Trani.

Dal settore scientifico, Paolo Crosignani, direttore Registro tumori ed Epidemiologia ambientale dell’Istituto tumori di Milano, Fabrizio Bianchi, epidemiologo ambientale del CNR di Pisa, Mariangela Vigotti, ricercatore dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Pisa, Roberto Romizi, presidente nazionale dei Medici per l’ambiente.

Tra i sindacalisti hanno firmato Claudio Falasca, Coordinatore Dipartimento Ambiente e territorio della CGIL Nazionale, Vittorio Bardi, Fiom CGIL, Gianni Forte, Segretario Generale della CGIL Puglia, Luigi D’Isabella, Segretario Generale della CGIL Taranto, Rosario Rappa, segretario Fiom CGIL Taranto, Emilio Viafora, Segretario Generale della CGIL Veneto, e Michele Gravano, Segretario Generale della CGIL Campania.

Tra i firmatari pugliesi e tarantini compaiono Michele Pelillo, Assessore al bilancio e programmazione della Regione Puglia, Michele Losappio, capogruppo SEL nel Consiglio regionale della Puglia, Antonio Decaro, capogruppo PD nel Consiglio regionale della Puglia, Donato Pentassuglia, consigliere regionale PD della Puglia, Alfredo Cervellera, Consigliere regionale SEL della Puglia, Francesco Laddomada, Consigliere regionale della Lista “La Puglia per Vendola”, Dante Capriulo, Assessore al Bilancio e Tributi del Comune di Taranto, e Valentina D’Amico, regista del film “La svolta - Donne contro l’Ilva”.

Nonostante il benzo(a)pirene sia un potente cancerogeno - ricorda Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente - il Governo con un decreto approvato in piena estate ha prorogato al 31 dicembre 2012 la scadenza per ridurre la sua concentrazione nell’aria sotto la soglia di 1 nanogrammo per metro cubo. È una proroga imperdonabile che prolunga l’esposizione di milioni di cittadini ad un inquinante killer in città come Taranto, Trieste, Venezia o Padova o aree metropolitane come quelle di Milano e Torino. Per questo chiederemo alla Commissione ambiente della Camera dei deputati di attivarsi per convincere il governo a fare marcia indietro”.

Con la petizione Legambiente chiede di ripristinare il termine temporale del 1999 per il raggiungimento dell’obiettivo di 1 nanogrammo per metro cubo nelle città con oltre 150mila abitanti, oltre ad un maggior controllo sulla qualità dell’aria che respiriamo nelle nostre città.
Occorre ristabilire il potere d’intervento delle Regioni sull’inquinamento da benzo(a)pirene - concludono Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, e Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto - per attuare misure efficaci per il raggiungimento dell’obiettivo che, vale la pena ricordarlo, è stato raggiunto da tempo in diverse città italiane.

La riduzione delle emissioni di benzo(a)pirene deve essere ottenuta con interventi sugli impianti industriali e sulle altre fonti con costi anche rilevanti, perché il diritto alla salute dei cittadini e dei lavoratori va garantito in ogni caso. Solo con un’industria innovativa e davvero sostenibile infatti il nostro Paese sarà in grado di affrontare in modo efficace la crisi economica e occupazionale, esorcizzando disastrose ipotesi di delocalizzazione degli impianti”.


 

 


Notizie correlate


» Benzo(a)pirene, pronti a ricorrere alla Consulta e alla Corte Europea


 

ZappaMI

 

Cartoni della pizza usati. Dove li buttate?

Si calcola che ogni giorno in Italia si consumino un milione e trecentomila pizze d'asporto..una grande massa






» commenti (0)

Conai

 

CiAl Ricrea Comieco

 

Meno rifiuti 2014

 

RSS Valido!